Premio Internazionale Gerolamo Cardano 2023 nel ricordo della Fondatrice

Per la seconda volta nella storia del Premio internazionale Cardano del Rotary Club Pavia, giunto alla XXXV edizione, il “personaggio richiamato” nel nome del quale si assegna il Premio, è una donna.

La prima fu, dieci anni fa, la soprano Claudia Muzio; quest’anno, con la Presidenza di Marta Sempio e alla presenza della prima Presidente donna del Rotary di Pavia, Antonella Ferrara, tocca a una eccellente matematica di formazione, Fondatrice del Collegio Nuovo e della sezione femminile del Collegio Ghislieri: Sandra Bruni Mattei.

Con lei la commissione giudicatrice richiama l’ambito dell’ Imprenditorialità e dell’Azione sociale, nel quale la Fondatrice si distinse, valorizzando la formazione di studentesse universitarie attraverso la fondazione di istituzioni che sono arrivate a far crescere sinora almeno 2.000 laureate.

A essere premiata in questo ambito imprenditoriale e sociale, sarà l’avvocata Lucia Annibali: già insignita Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica “per il coraggio, la determinazione, la dignità con cui ha reagito alle gravi conseguenze fisiche dell’ignobile aggressione subita”, Lucia Annibali si è spesa in una intensa attività anche come parlamentare su temi di giustizia, violenza sulle donne e parità di genere.
Nell’ambito della cerimonia di premiazione (5 dicembre 2023, ore 17 nell’Aula Foscolo dell’ Università degli studi di Pavia), l’avv. Annibali, ora Difensora civica della Regione Toscana, terrà la lectio “La sofferenza come opportunità”.

A ricordare la figura e l’impegno della Fondatrice Sandra Bruni Mattei sarà la Rettrice del Collegio Nuovo, Paola Bernardi.


Memorizzare o comprendere?

Nelll’ambito del Career Management Skills Program sviluppato per la comunità collegiale del Nuovo dal primo anno sino al post laurea, un nuovo appuntamento che esplora le tecniche della memoria: vantaggi e limiti.
Con Maria S. Ferretti, coordinatrice del Programma di cui è responsabile la Prof. Maria A. Zanetti.

Riservato alla comunità collegiale del Nuovo  (iscrizioni entro il 10 dicembre)


Raccontare l'arte, la cultura, la storia

«Tutto è interessante se approfondisci l’argomento. La superficie è noia».

(Didi Gnocchi, intervistata per “ExibArt” da Cesare Biasini Selvaggi, 14 marzo 2022)

Mercoledì 6 dicembre, alle 21, il Collegio che ha accolto in passato personalità come Liliana Cavani e Gae Aulenti, ospita in un incontro pubblico chi le ha anche raccontate: Didi Gnocchi.

Appassionata di storia, nata come giornalista (per “La Provincia pavese”), poi, per la televisione, inviata Mediaset a raccontare, fra l’altro, in Germania la caduta del Muro e il neonazismo e, in Unione Sovietica, la fine del comunismo e il dopo Chernobyl, Didi Gnocchi diventa imprenditrice e regista. Da oltre vent’anni Didi Gnocchi è CEO di 3D Produzioni, società da lei fondata, specializzata in documentari e format per raccontare l’arte, la storia e la cultura.

In presenza e on line, accreditato per la comunità collegiale del Nuovo, per i collegiali della CCUM e accreditato per gli allievi IUSS nell’ambito delle attività Extra-Classe dei Corsi ordinari.


Antropocene. Nuovi equilibri tra uomo e ambiente

Cosa vuol dire vivere nell’era dell’Antropocene?
Come racconta il cinema le nuove forme di rapporto uomo-ambiente e uomo-natura?
Nell’era dell’Antropocene assistiamo a una nuova configurazione di forze: è l’uomo a dominare le leggi naturali con le sue scelte, determinando nuove condizioni di abitabilità. Da agente biologico l’uomo diventa agente geologico.
La settima arte risponde a questo stato di crisi, e alla nuova governance antropocentrica, con un monito: la natura contraccambia l’agire umano, nel bene e nel male, è allora estremamente urgente ripensare il nostro rapporto con l’ambiente come una forma di reciproco dono.
Gli otto appuntamenti del Cinema Lab raccolgono forme di rapporto uomo-natura eterogenee: dall’action al post-apocalittico, dall’animazione alla commedia, ogni film rappresenta un punto di vista diverso offerto alla Causa Ambientale e alla crisi climatica, restituendo un affresco drammatico, ma costantemente speranzoso per il pianeta.

Ciclo a cura di Sandra Innamorato

Riconosciuto come attività formativa per la comunità collegiale del Nuovo cui il ciclo è riservato  (Iscrizioni entro il giovedì precedente all’incontro domenicale)


Il silenzio rumoroso delle bandiere a mezz'asta: stop alla violenza di genere

Il silenzio rumoroso delle bandiere a mezz’asta in Collegio per tutte le vittime di assassinii come quello di Giulia Cecchettin.

La violenza di genere:
https://www.interno.gov.it/it/temi/sicurezza/violenza-genere

I numeri: “Alla data odierna, relativamente al periodo 1 gennaio – 12 novembre 2023 sono stati registrati 285 omicidi, con 102 vittime donne, di cui 82 uccise in ambito familiare/affettivo; di queste, 53 hanno trovato la morte per mano del partner/ex partner. Analizzando gli omicidi del periodo sopra indicato rispetto a quello analogo dello scorso anno, si registra un incremento sia del numero degli eventi, che da 274 arrivano a 285 (+4%), sia delle vittime di genere femminile, che da 101 passano a 102 (+1%).”


Conoscere l'energia

Un convegno che prende spunto dall’ultima pubblicazione dell’ “Ingegnera di Voghera”, Giovanna Gabetta, prima laureata in Ingegneria nucleare in Italia.
Intorno al suo “Lo struzzo energetico” (2023; ora disponibile anche in inglese) si esprimeranno più voci, con l’introduzione istituzionale della Rettrice del Collegio Nuovo, la Presidente di AIDIA – Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti e una rappresentante della #FILDIS di Pavia. (Federazione Italiana Laureate e Diplomate Istituti Superiori)

Riconosciuto come attività formativa per la comunità collegiale del Nuovo  (iscrizioni entro il 22 novembre 2023)


Un dono che non è solo una goccia

Un incontro divulgativo e scientifico, promosso con Avis Comunale Pavia e il Gruppo Giovani Avis Pavia, sul tema della donazione del sangue tenuto dal dr. Gianluca Viarengo e da Enrica Paudice, Tecnico di laboratorio.

Incontro riconosciuto come attività formativa per alunni e alunne dei Collegi:  Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei, Borromeo, Santa Caterina, Cairoli e Volta  (iscrizioni entro il 20 novembre 2023)

Chi può donare


Afghanistan. Una storia dimenticata, un Paese tradito?

Il Collegio Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei di Pavia accoglie nella sua Aula Magna (oltre che su Zoom e in diretta Facebook), un’ospite di eccezione: la Principessa Soraya Malek d’Afghanistan, figlia della Principessa India, scomparsa il mese scorso, e nipote del Re Amānullāh Khan e della Regina Soraya Tarzi, figure che per la loro apertura liberale sin dall’indipendenza del Paese dall’Impero britannico (1919) furono poi osteggiate da forze conservatrici al punto da dover prendere la strada dell’esilio in Italia solo una decina di anni dopo.

Per dare una idea della spinta innovatrice del Re Amānullāh Khan – influenzato anche dal suocero Mahmud Tarzi, politico sostenitore del ruolo riformatore di Atatürk in Turchia, poeta e grande viaggiatore anche in Europa –  il Re non solo promulgò la prima Costituzione, ma favorì cruciali riforme nel campo della formazione scolastica e della emancipazione delle donne.

In presenza e on line, accreditato per la comunità collegiale del Nuovo, per i collegiali della CCUM e gli allievi IUSS nell’ambito delle attività Extra-Classe dei Corsi ordinari.


Institut Pasteur

Le esperienze di prima mano di chi, come l’alunna Valentina Bonaldi,  ha usufruito dell’accordo del Collegio con il prestigioso istituto di ricerca di Parigi.
Con l’introduzione di Anna Malacrida, Presidente della Fondazione Sandra e Enea Mattei, docente dell’Università di Pavia, forte di una larghissima esperienza di ricerca in ambito internazionale. La prima presentazione dell’Institut Pasteur in Collegio fu  con l’incontro con Anna Bella Failloux, collega della Prof. Malacrida.

Riservato alla comunità collegiale del Nuovo  (iscrizioni)


Le Français pratique.

Tornano, sempre interamente on line, le serate in francese con Faten Bethabet Mouneimne. Utile per chi farà Erasmus e tirocini in Francia, magari proprio al Pasteur con cui il Collegio ha un accordo!

Riservato alla comunità collegiale del Nuovo  (iscrizioni entro il 26 febbraio 2024)